www.cialdecaffe.napoli.it è nel network

Blog Cialde caffè Napoli - 25 Secondi Caffè

Archivi tag: Cialde Caffè

Pranzo veloce in spiaggia

insalate-riso-veloci-ricette

RICETTE DA PORTARE IN SPIAGGIA –

Quanti di noi l’estate amano trascorrere l’intera giornata al mare, pranzando sotto l’ombrellone. Un’abitudine soprattutto per chi decide di trascorrere tutta la giornata in spiaggia. Ecco allora alcune idee su cosa mangiare in spiaggia per continuare ad avere una sana alimentazione anche in vacanza ed evitare l’acquisto di snack calorici che non sono un toccasana né per il nostro benessere né per il nostro portafoglio.

LEGGI ANCHE: Piatti unici estivi, ricette facili e veloci per mangiare sano e restare in forma

COSA MANGIARE IN SPIAGGIA –

Ecco qualche idea da gustare in spiaggia:

  • PASTA FREDDA

Un piatto tipico del pranzo al mare. Condita con ingredienti freschi come pomodorini, dadini di mozzarella, basilico e olive, si trasforma subito in un primo sfizioso e allo stesso tempo leggero.

  • INSALATA DI RISO O FARRO

Una valida alternativa alla pasta fredda. Evitate di condire il riso con grandi quantità di maionese in quanto potrebbe rovinarsi a causa del caldo o in alternativa provate la nostra ricettasu come prepararla in casa in una versione più leggera ma allo stesso tempo gustosa e saporita. Perfetto anche un buon piatto di cous cous con le verdure.

  • PANINI E TRAMEZZINI

Sono entrambi senza dubbio il cibo più comodo da portare in spiaggia. Riempiteli, a seconda dei vostri gusti, con bresaola o prosciutto uniti a tante fettine di pomodoro fresco o verdure grigliate.

  • FRITTATA

Buonissima anche come piatto freddo, la frittata è perfetta per un pranzo leggero e sfizioso. Trovate qui tante deliziose ricette.

  • YOGURT

Anche lo yogurt è perfetto per un pranzo leggero, nutriente e gustoso soprattutto se abbinato a frutta fresca e cereali.

L’IDEA: Il cous cous vegetariano con le verdure di stagione

CONSIGLI PER MANGIARE IN SPIAGGIA –

Ecco infine, qualche raccomandazione

  • Concludete sempre il pasto con un frutto fresco, ad esempio una bella fetta di anguriao melone o in alternativa una macedonia.
  • Evitate di consumare dolci quando siete in spiaggia: al massimo optate per unghiacciolo alla frutta.
  • Sconsigliate infine le bevande troppo zuccherate e gassate.

PER SAPERNE DI PIU’: La ricetta per preparare in casa la conserva di melanzane sott’olio

Cialde Caffè Blog 25 Secondi

Cristiano Ronaldo e il

maxresdefault

 

http://https://www.youtube.com/watch?v=iHz82I8Vv88&feature=youtu.be

VIDEO / Ecco cosa accade se Cristiano Ronaldo si siede in un bar

Dolce & Gabbana a Napoli tra vicoli e Caffè

Dolce e Gabbana

NAPOLI- Una folla calorosa ha accolto gli stilisti Domenico Dolce e Stefano Gabbana, meglio conosciuti come “Dolce e Gabbana” tra i vicoli di San Gregorio Armeno, nel centro storico di Napoli.Le due star della moda celebreranno a Napoli i loro trent’anni di attività, con una testimonial d’eccezione: Sophia Loren, a cui sabato 9 luglio, nel cortile del Maschio Angioino, sarà conferita la cittadinanza onoraria dal sindaco Luigi de Magistris.Tanti applausi, selfie, caffè,omaggi dai maestri presepiai, e pizzaioli.“L’accoglienza dei napoletani è unica, non esiste in altre parti del mondo”, commenta Domenico Dolce.Una passeggiata, quella di D&G, anche per spazzare via le polemiche tra i commercianti, che in questi giorni saranno costretti a subire qualche disagio per permettere la sfilata nel centro cittadino.“La Napoli migliore sta vivendo questi giorni in cui Dolce e Gabbana hanno invaso la città con la loro moda così come devono essere vissuti giorni del genere in una città che è naturalmente aperta e potenzialmente in grado di vivere di turismo”.Lo ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, per il quale “chi continua a lamentarsi, offendendo anche i due stilisti che hanno deciso di portare a Napoli le celebrazioni per il trentennale della loro carriera, non ama la città e non si rende conto dei vantaggi che derivano da eventi del genere in grado di richiamare l’attenzione dei media di mezzo mondo”.“Comunque, l’importante è che a protestare sia solo una minoranza e che i veri napoletani stiano rispondendo come al solito, con simpatia e inventiva, e, infatti, stanno nascendo tanti omaggi spontanei, come lo striscione di Salvatore Iodice per Sofia Loren, le pizze di Gino Sorbillo, i dolci, i menù e tanto altro a tema” ha concluso Borrelli per il quale “è questa la Napoli che il Mondo ha sempre conosciuto e apprezzato, quella Napoli che fa dire a Sophia Loren che lei non è italiana, ma napoletana” 

CIALDE CAFFE A NAPOLI

Weekend con il Caffè

fromthebeehivetothebay.tumb

Un Caffè in riva al mare

Il Venerdi per molti chiude la settimana lavorativa, ci si appresta in estate per organizzarsi per un week end.

Trascorrere un week end al mare quest’ anno vuol dire stare comodamente seduti su di una sedia sdraio sulla spiaggia con il sole che ti riscalda. Il suono delle onde in sottofondo è  tra le esperienza più rilassanti che si possono immaginare. Un week end al mare  è probabilmente un’occasione irripetibile per staccare la spina e riposarsi dopo un anno di duro lavoro. Se ti vuoi rilassare al sole con la persona che ami, scatenarti  con gli amici o praticare sport acquatici in compagnia della tua famiglia, l’Italia è piena di destinazioni perfette per le tue esigenze che aspettano solo di essere scoperte.

Dalle spiagge di Capri, dell’assolata Puglia, della Riviera Romagnola alla Costa Smeralda, il mare d’Italia, sia esso il Tirreno, l’Adriatico o lo Ionio, ti rilasserà e ti regalerà nuove energie. Gli scenari mozzafiato, la cucina, l’ottimo vino e l’accoglienza delle popolazioni locali ti trascineranno in un crescendo di emozioni che non dimenticherai facilmente.

Le isole Italiane sono facilmente raggiungibili da una buona rete di collegamenti e riservano alcuni degli scenari più belli del mondo. I Faraglioni e la Grotta Azzurra, a Capri, sono splendidi, così come le coste vulcaniche frastagliate delle Eolie.

Noi ci stiamo preparando, ma sarà di rito il Caffè in riva al mare. Non si puo’ spegare, bisogna viverlo !

 

Coffee Break: la “fika”

 

Il segreto per lavorare felici? La “fika”

Non fate i maliziosi: in Svezia si chiama così la pausa caffè da fare più volte al giorno, davanti a un dolce. In molte aziende è obbligatoria, e migliora la produttività.

fikasun
Non c’è (quasi nulla) che un caffè e un dolce non possano risolvere.

La parola, ce ne rendiamo conto, si presta a facili ironie. Ma non è come sembra: in Svezia, la fika è una tradizione consolidata, un ingrediente sacrosanto per ridurre lo stress da lavoro. Il termine – sgombriamo il campo dagli equivoci – è sia un nome, sia un verbo e deriva dalla parola svedese kaffe (caffè): la fika è una specie di pausa caffè, che però c’entra poco con il classico break al bar o davanti alla macchinetta.

 PAROLA D’ORDINE: RIPOSARE. Non è una scusa per una riunione, né un pretesto per trangugiare un espresso (o un beverone di Starbucks, come fanno negli USA) al computer o sotto il neon del distributore automatico; ma una pausa che si prende più volte al giorno, e in ogni caso attorno alle 10:00 e alle 15:00, per sorseggiare un caffè, un tè o un’altra bevanda calda in compagnia dei colleghi, preferibilmente davanti a un dolce e staccando completamente dal lavoro

RIPARTIRE CON SPRINT. Una perdita di tempo? Non proprio: secondo Viveka Adelsward, professoressa della Linkoping University (Svezia) ed esperta di consuetudini sociali di questo paese, la fikaaumenta la produttività: queste occasioni di scambio e socializzazione incrementano l’efficienza sul lavoro, tanto che molte aziende svedesi le hanno rese obbligatorie.

 OSSIGENO AL CERVELLO. E non è solo per il caffè, di cui la Svezia è il terzo consumatore mondiale (il primo è la Finlandia, mentre l’Italia è solo 12esimo posto); a creare le premesse per una pausa produttiva è la caduta temporanea – davanti a uno snack calorico – delle gerarchie sociali, che rende i lavoratori svedesi tra i meno stressati al mondo. Si scambiano informazioni, si appianano conflitti, si toglie “la ruggine” dal cervello e si promuove la creatività.

NON SOLO IN SVEZIA. I benefici della fika sono talmente evidenti che diversi imprenditori svedesi stanno cercando di esportare questa consuetudine anche in nazioni più stressate. Se funzionasse, ne trarremmo vantaggi tutti: statistiche alla mano,solo l’1% dei lavoratori svedesi rimane in ufficio oltre l’orario di lavoro; e nel paese che sta sperimentando l’orario lavorativo di sei ore giornaliere, lo stipendio medio procapite e la soddisfazione generale della vita rimangono rispetto alla media.

Caffè Verde

Caffè Verde

 

Dal caffè verde crudo si ottiene, previa macinatura ed infusione, una bevanda totalmente diversa rispetto al caffè tostato.

Il caffè verde crudo, che non ha subìto alcun processo di torrefazione, si distingue da quello classico per: aspetto, aroma, sapore e caratteristiche nutrizionali; l’unica proprietà comune tra il caffè tostato e quello verde crudo è la presenza di caffeina.

Preparazione della bevanda a base di caffè verde crudo: il caffè verde crudo viene utilizzato analogamente a quello tostato; ovviamente, utilizzando i semi INTERI di coffea (arabica o robusta), si rende necessario POLVERIZZARLI con un mortaio ed utilizzarne il ricavato mediante infusione; questa, per essere efficace senza IMPOVERIRE la bevanda, deve avvenire ad una temperatura di 80°C per un tempo sufficiente alla diffusione nutrizionale.

 

Perché il caffè verde crudo “dovrebbe” far dimagrire?

Come anticipato, il caffè verde crudo (così come quello torrefatto) contiene caffeina, una molecola frequentemente utilizzata in ambito dimagrante per le sue interazioni con il tessuto adiposo.
La caffeina,nervino stimolante appartenente alla famiglia delle metilxantine(1,3,7-trimetilxantina), possiede un effetto positivo sia diretto che indiretto sullo smaltimento del tessuto adiposo umano; quello diretto consiste nella capacità di promuovere la liberazione degli acidi grassi dal deposito al circolo sanguigno, mentre quello indiretto si manifesta con lo stimolo secretorio di catecolamine le quali, a loro volta, intervengono sul tessuto adiposo facilitando la lipolisi ed iper-attivando alcuni meccanismi fisiologici o distretti specifici (aumento pulsazioni cardiache, aumento flusso coronarico, maggior reclutamento muscolare nello sport, maggiore stimolazione nervosa ecc). Ovviamente, pur vantando caratteristiche simili (… che a dirla tutta, meriterebbero d’essere “quantificate”!), per essere efficace, la caffeina DEVE essere assunta in presenza di altri due fattori essenziali:

  • Regime calorico moderato
  • Consumo energetico elevato

Se ne evince che la caffeina ENFATIZZA gli effetti dimagranti della dieta e dell’attività fisico/motoria ma senza conferire alcun dimagrimento apprezzabile indipendente.

 

A dir il vero, il caffè verde crudo contiene MENO caffeina (ed in forma legata all’acido clorogenico, originando il clorogenato) rispetto al caffè tostato. La forma chimica e complessa della caffeina contenuta nel caffè verde crudo ne riduce i tempi di assorbimento, dilazionandone la concentrazione ematica in maniera progressiva; ciò significa che, contrariamente al caffè torrefatto – il cui contenuto in caffeina dopo l’ingestione viene assorbito entro 30-40′ minuti, al seguito dei quali comincia la relativa metabolizzazione epatica e lo smaltimento renale – il caffè verde crudo consente un ingresso in circolo più moderato della caffeina MA anche una maggior emivita della stessa.
Pare che, in virtù di quest’ultima caratteristica, il caffè verde crudo risulti più indicato nella dieta dei soggetti iper-sensibili alla caffeina che, se introdotta con la bevanda tradizionale, spesso determina effetti diversi

In sintesi, il caffè verde crudo si avvale di:

  • Un assorbimento più lento
  • Una metabolizzazione ed uno smaltimento meno efficaci, con maggior emivita della molecola
  • Minori effetti collaterali.

 

Tuttavia, in base agli studi effettuati sulla caffeina negli atleti, è emerso che questa metilxantina, pur essendo rapida da assorbire, DIMEZZA le proprie concentrazioni sanguigne nell’arco di 3-6 ore; ovviamente anche quest’affermazione andrebbe presa “con le pinze”, poiché gli effetti del metabolismo sulla caffeina dipendono da: dose, attività fisica, assuefazione dell’organismo alla molecola, soggettività (genetica), sesso, età ecc., tutte variabili che determinano un range di farmacocinetica pari a 3-7 ore. Inoltre, non è ben chiaro se la rilevazione fosse stata eseguita sulla caffeina propriamente detta o anche sui suoi meta-cataboliti (teombrina, teofillina ecc); in conclusione, la velocità di assorbimento della caffeina nel caffè classico (30-40′) non sembra accelerare sempre in maniera così rilevante lo smaltimento ematico del nervino, vanificando (a mio avviso) parte delle motivazioni che giustificano l’utilizzo del caffè verde crudo in sostituzione a quello torrefatto, anche se ciò non ne preclude la scelta in soggetti più sensibili di altri o in contesti preventivamente determinati.

Le nostre Tisane al Caffe’ verde sono disponibili, ed hanno un effetto strabiliante.

CIALDE CAFFE’ NAPOLI

 

 

IL MARTEDI DOPO #ITALIASPAGNA

13922768_M

Abbiamo usato la miscela del nostro caffè come rito scaramantico prima e durante la partita

Italia-Spagna ed ha funzionato.

Cialde Caffè a Napoli è semplicemente un punto di riferimento per gli amici e gli sportivi, per

le casalinghe, per i lavoratori, per tutti.

Prima della partita #ItaliaSpagna ce lo siamo detti in faccia: Vinciamo !

cosi’ e’ stato…

Sara’ per la prossima, e mi raccomando un caffè prima e uno durante il match, saranno determinanti

per la #vittoria.

CIALDE CAFFE e 25 Secondi

 


Utilizzatore del sito cialdecaffe.napoli.it è
25 secondi caffè - Via S. Domenico, 30 - 80014 - Giugliano In Campania (NA) - Partita IVA: 08192741216

Copyright Privacy Policy Condizioni d'uso del sito e trattamento dati Cookie Policy Condizioni generali di vendita