www.cialdecaffe.napoli.it è nel network

Blog Cialde caffè Napoli - 25 Secondi Caffè

Il caffè aiuta a dormire: migliora il sonno e ci fa sentire rigenerati. I ricercatori: “Ecco come ci tiene svegli”

n-COFFEE-large570

Lo prendiamo per tenerci svegli. Ma se ci facesse l’effetto opposto? Il caffè, da sempre alleato contro i momenti di stanchezza, potrebbe facilitare e addirittura migliorare il nostro sonno. Preso prima di un sonnellino, riesce a rendere la pausa molto più ristorante. Un paradosso? Gli scienziati della Loughborough University hanno chiamato il fenomeno “coffe nap” (letteralmente “pisolino da caffè” e hanno cercato di individuarne le cause.

Gli studiosi sono arrivati a scoprire questo strano potere della caffeina quasi per caso. Per implementare nuove tecniche per combattere la sonnolenza nei guidatori, hanno misurato le onde cerebrali di un gruppo di persone sottoposte ad una simulazione di guida in una situazione di privazione di sonno. E hanno scoperto che prendendo un caffè e addormentandosi subito, i partecipanti all’esperimento si sentivano al risvegliomolto più energici di prima.

Come è possibile? Dipende tutto dalla chimica, in particolare dall’adenosina, un composto chimico che induce il sonno più profondo, responsabile della sensazione di intorpidimento che proviamo dopo aver dormito molto. La caffeina è un inibitore di adenosina, ma il corpo impiega circa 20 minuti per sentirne gli effetti. Ecco perché è utile impiegare quel lasso di tempo: chi si appisola immediatamente dopo il consumo, sentirà l’effetto stimolante subito dopo il risveglio e si sentirà molto più rigenerato.

“Se riesci ad addormentarti prima che la caffeina faccia effetto, appena ti sveglierai i suoi effetti si faranno sentire puntuali e tu avrai dormito meravigliosamente”, spiega all’Huffington Post USA il ricercatore Dr. David Dinges, professore del dipartimento di psichiatria alla University of Pennsylvania.

Cristiano Ronaldo e il

maxresdefault

 

http://https://www.youtube.com/watch?v=iHz82I8Vv88&feature=youtu.be

VIDEO / Ecco cosa accade se Cristiano Ronaldo si siede in un bar

Biscuit Cup

biscuit cup ricette

 

La Tazzina Pasticcina o BISCUIT CUP (L’Originale) ha davvero un gusto inconfondibile.

In Estate usarla con i liquori freddi, o con la Crema Caffè, oppure con un sorbetto o con un qualsiasi semifreddo, perche’ no, anche un Tiramisù.

In Inverno con il Caffe’ caldo, il Mokaccino, il Ginseng, o la cioccolata calda. Insomma gli usi sono tanti,

ma alla fine di ogni consumazione la tazzina va mangiata, ed e’ squisita.

Ricca pasta frolla con un gusto inconfondibile, senza ogm,e con ingredienti naturali.

A breve anche con gluten free.

Una goduria davvero !!

CIALDE CAFFE’ A NAPOLI

 

Dolce & Gabbana a Napoli tra vicoli e Caffè

Dolce e Gabbana

NAPOLI- Una folla calorosa ha accolto gli stilisti Domenico Dolce e Stefano Gabbana, meglio conosciuti come “Dolce e Gabbana” tra i vicoli di San Gregorio Armeno, nel centro storico di Napoli.Le due star della moda celebreranno a Napoli i loro trent’anni di attività, con una testimonial d’eccezione: Sophia Loren, a cui sabato 9 luglio, nel cortile del Maschio Angioino, sarà conferita la cittadinanza onoraria dal sindaco Luigi de Magistris.Tanti applausi, selfie, caffè,omaggi dai maestri presepiai, e pizzaioli.“L’accoglienza dei napoletani è unica, non esiste in altre parti del mondo”, commenta Domenico Dolce.Una passeggiata, quella di D&G, anche per spazzare via le polemiche tra i commercianti, che in questi giorni saranno costretti a subire qualche disagio per permettere la sfilata nel centro cittadino.“La Napoli migliore sta vivendo questi giorni in cui Dolce e Gabbana hanno invaso la città con la loro moda così come devono essere vissuti giorni del genere in una città che è naturalmente aperta e potenzialmente in grado di vivere di turismo”.Lo ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, per il quale “chi continua a lamentarsi, offendendo anche i due stilisti che hanno deciso di portare a Napoli le celebrazioni per il trentennale della loro carriera, non ama la città e non si rende conto dei vantaggi che derivano da eventi del genere in grado di richiamare l’attenzione dei media di mezzo mondo”.“Comunque, l’importante è che a protestare sia solo una minoranza e che i veri napoletani stiano rispondendo come al solito, con simpatia e inventiva, e, infatti, stanno nascendo tanti omaggi spontanei, come lo striscione di Salvatore Iodice per Sofia Loren, le pizze di Gino Sorbillo, i dolci, i menù e tanto altro a tema” ha concluso Borrelli per il quale “è questa la Napoli che il Mondo ha sempre conosciuto e apprezzato, quella Napoli che fa dire a Sophia Loren che lei non è italiana, ma napoletana” 

CIALDE CAFFE A NAPOLI

Weekend con il Caffè

fromthebeehivetothebay.tumb

Un Caffè in riva al mare

Il Venerdi per molti chiude la settimana lavorativa, ci si appresta in estate per organizzarsi per un week end.

Trascorrere un week end al mare quest’ anno vuol dire stare comodamente seduti su di una sedia sdraio sulla spiaggia con il sole che ti riscalda. Il suono delle onde in sottofondo è  tra le esperienza più rilassanti che si possono immaginare. Un week end al mare  è probabilmente un’occasione irripetibile per staccare la spina e riposarsi dopo un anno di duro lavoro. Se ti vuoi rilassare al sole con la persona che ami, scatenarti  con gli amici o praticare sport acquatici in compagnia della tua famiglia, l’Italia è piena di destinazioni perfette per le tue esigenze che aspettano solo di essere scoperte.

Dalle spiagge di Capri, dell’assolata Puglia, della Riviera Romagnola alla Costa Smeralda, il mare d’Italia, sia esso il Tirreno, l’Adriatico o lo Ionio, ti rilasserà e ti regalerà nuove energie. Gli scenari mozzafiato, la cucina, l’ottimo vino e l’accoglienza delle popolazioni locali ti trascineranno in un crescendo di emozioni che non dimenticherai facilmente.

Le isole Italiane sono facilmente raggiungibili da una buona rete di collegamenti e riservano alcuni degli scenari più belli del mondo. I Faraglioni e la Grotta Azzurra, a Capri, sono splendidi, così come le coste vulcaniche frastagliate delle Eolie.

Noi ci stiamo preparando, ma sarà di rito il Caffè in riva al mare. Non si puo’ spegare, bisogna viverlo !

 

Coffee Break: la “fika”

 

Il segreto per lavorare felici? La “fika”

Non fate i maliziosi: in Svezia si chiama così la pausa caffè da fare più volte al giorno, davanti a un dolce. In molte aziende è obbligatoria, e migliora la produttività.

fikasun
Non c’è (quasi nulla) che un caffè e un dolce non possano risolvere.

La parola, ce ne rendiamo conto, si presta a facili ironie. Ma non è come sembra: in Svezia, la fika è una tradizione consolidata, un ingrediente sacrosanto per ridurre lo stress da lavoro. Il termine – sgombriamo il campo dagli equivoci – è sia un nome, sia un verbo e deriva dalla parola svedese kaffe (caffè): la fika è una specie di pausa caffè, che però c’entra poco con il classico break al bar o davanti alla macchinetta.

 PAROLA D’ORDINE: RIPOSARE. Non è una scusa per una riunione, né un pretesto per trangugiare un espresso (o un beverone di Starbucks, come fanno negli USA) al computer o sotto il neon del distributore automatico; ma una pausa che si prende più volte al giorno, e in ogni caso attorno alle 10:00 e alle 15:00, per sorseggiare un caffè, un tè o un’altra bevanda calda in compagnia dei colleghi, preferibilmente davanti a un dolce e staccando completamente dal lavoro

RIPARTIRE CON SPRINT. Una perdita di tempo? Non proprio: secondo Viveka Adelsward, professoressa della Linkoping University (Svezia) ed esperta di consuetudini sociali di questo paese, la fikaaumenta la produttività: queste occasioni di scambio e socializzazione incrementano l’efficienza sul lavoro, tanto che molte aziende svedesi le hanno rese obbligatorie.

 OSSIGENO AL CERVELLO. E non è solo per il caffè, di cui la Svezia è il terzo consumatore mondiale (il primo è la Finlandia, mentre l’Italia è solo 12esimo posto); a creare le premesse per una pausa produttiva è la caduta temporanea – davanti a uno snack calorico – delle gerarchie sociali, che rende i lavoratori svedesi tra i meno stressati al mondo. Si scambiano informazioni, si appianano conflitti, si toglie “la ruggine” dal cervello e si promuove la creatività.

NON SOLO IN SVEZIA. I benefici della fika sono talmente evidenti che diversi imprenditori svedesi stanno cercando di esportare questa consuetudine anche in nazioni più stressate. Se funzionasse, ne trarremmo vantaggi tutti: statistiche alla mano,solo l’1% dei lavoratori svedesi rimane in ufficio oltre l’orario di lavoro; e nel paese che sta sperimentando l’orario lavorativo di sei ore giornaliere, lo stipendio medio procapite e la soddisfazione generale della vita rimangono rispetto alla media.

Le abitudini degli Italiani

kaffee,-kaffeebohnen-158588

Lo consuma il 96,5% degli italiani di età compresa tra i 18 e i 65 anni, ed è considerato una bevanda energizzante, rilassante e conviviale. Per molti rappresenta il modo migliore per iniziare la giornata, fare una pausa o semplicemente ritagliarsi uno spazio per sé. Il caffè è il protagonista di un’indagine condotta dall’Istituto AstraRicerche per conto di Consorzio Promozione Caffè.Dallo studio emergono tre tipologie di consumatori: i deboli bevitori (36%) che consumano 1 o 2 tazzine al giorno, i medi (36%) che ne assumono 2-3 al giorno, e i forti consumatori (27%) con oltre tre tazzine al giorno.  Ad attirare gli italiani è principalmente il gusto del caffè (95,6%), seguito dal suo aroma (94,6%) e dal colore (77,2%).

Chi si concede più spesso un buon caffè è l’uomo, in misura proporzionale all’aumentare dell’età, almeno fino ai 54 anni. Risiede soprattutto nel Nord Ovest (Piemonte e Lombardia) e nel Sud, (Lazio, Calabria, Puglia e isole maggiori) e prediligono il caffè puro.
Le donne e i giovani preferiscono invece caffè macchiato, cappuccino, caffè latte e caffè marocchino. Il caffè fatto con la moka, un grande classico, è molto amato dagli over 55 (49%) e nel Triveneto (50%), mentre i più giovani scelgono quasi a pari merito con la moka la nuova macchina a cialde o capsule.
Soprattutto le donne amano bere il caffè in casa (92%). Quando? I momenti preferiti sono la mattina (80%), dopo pranzo (76%) a metà mattina (59%) o nel pomeriggio (50%). In ogni caso, si preferisce non rinunciare mai al caffè del mattino appena svegli (58%).
Cialde caffe’ a Napoli

Dolce al Caffè dopo ITALIA-GERMANIA

mousse-di-caffe-con-spuma-al-mascarpone-crop-4-3-489-370

Inebriante e profumato, famoso per le sue proprietà stimolanti, il caffè è la bevanda più discussa e amata d’Italia: quasi un’istituzione nazionale. Se non si può fare a meno di gustarlo più e più volte al giorno, o si pensa che nella bella stagione faccia troppo caldo per consumarlo “al naturale”, sono davvero tante le ricette di dolci freddi che lo annoverano tra gli ingredienti principali. In particolare nella preparazione di granite, creme golose e dessert al cucchiaio l’aroma intenso e corposo del caffè è molto apprezzato. Provalo anche tu con la facile ricetta  del semifreddo al caffè, in quella della granita al caffè di tradizione siciliana o con quella del rotolo di pasta biscotto con crema al caffè. Senza dimenticare le sfiziose mousse di caffè con spuma al mascarpone. Belle da vedere e buone da mangiare.

Una buona idea per stasera: c’e’ Italia-GERMANIA

Cialde Caffè Napoli

Spezie nel tuo Caffè

CAFFE-MAROCCHINO-ESTIVO-Ingredienti
Cannella, peperoncino, anice e vaniglia: un  contributo alla bontà del tuo caffè.
Il caffè è un’espressione tipica della cultura gastronomica del nostro paese e un piacere che ha un suo rituale,
fino a qualche anno fa legato all’espresso: forte, ristretto e caldo. Poi sia per l’avvento delle cialde sia per il contatto sempre piu ravvicinato con altre culture, anche da noi si sono diffusi altri modi di consumare il caffè: dal cappuccino al marocchino al latte macchiato fino ai caffè speziati. In un famoso bar storico di Napoli si servono 63 tipi di caffè. A poco a poco il caffè ha perso la sua purezza per conquistare altri aromi che lo hanno arricchito e reso più vario senza fargli perdere la sua poesia e la sua ritualità.Bere un caffè resta un’esperienza sensoriale che non coinvolge solo l’odorato e il gusto ma è anche sentimento, memoria e piacere. Il caffè si sposa bene oltre che con il cioccolato anche con molte spezie come cannella, anice stellato, cardamomo, noce moscata, peperoncino e molte altre ancora. L’aroma del caffè andrà a sommarsi con quello delle spezie di volta in volta scelte così come si sommeranno anche gli effetti benefici. Inoltre aromatizzare il caffè permetterà, a chi ne ha bisogno, di ridurre la quantità di zucchero. Per esempio, un pizzico di vaniglia o di noce moscata potrebbe essere sufficiente per dare un tocco di dolcezza.

La prima cosa che potete fare per aromatizzare il vostro caffè è acquistare del caffè in grani e miscelarlo con la spezia o le spezie che preferite. Ricordatevi di riservare un macinino solo per le spezie. In quel macinino potrete macinare anche il caffè. Altrimenti potete aggiungere le spezie macinate nel filtro della caffettiera insieme al caffè. Ecco alcune proposte.
Caffè alla vaniglia. Prendete 250 grammi di caffè , mettetelo in un vaso a chiusura ermetica insieme a tre baccelli di vaniglia tagliati a metà e dei quali avrete grattato un po’ di semini neri, mischiate bene e lasciatelo chiuso almeno tre giorni. Poi rimuovete la vaniglia- che potrete riutilizzare, finchè non perderà l’aroma- e usatelo come fate abitualmente. La stessa cosa potete fare con noce moscata e/o bastoncini di cannella. Se siete abituati a comprare il caffè già macinato potete aggiungervi le spezie tritate e lasciare in un vaso sigillato fino al momento dell’uso. Non lasciatele troppo tempo però, perchè perderebbero l’aroma.
Caffè alla menta e al peperoncino. Mettete una manciata di foglie di menta essiccata, mezzo peperoncino essiccato e 250 grammi di caffè in grani in un vaso, lasciate riposare due giorni. Poi macinate finissimo e usate la miscela al posto del solito caffè. In alterrnativa preparate una tazzina di caffè, aggiungete due gocce di sciroppo alla menta e un pizzico di peperoncino. Menta e caffè sembrano inconciliabili, niente di più falso: i due aromi si fonderanno armoniosamente e il peperoncino darà un tocco piacevolmente piccante.
Caffè marocchino. Macinate insieme mezza tazza di grani di caffè, 1 cm di bastoncino di cannella,1 chiodo di garofano, semi di 3-4 bacche di cardamomo, 1 grosso pizzico di: noce moscata, zenzero e pepe nero. Usate questa miscela al posto del vostro solito caffè oppure aggiungetene 1 o 2 cucchiai alla vostra caffettiera. Lo zenzero e il pepe danno un aroma molto pungente adatto a concludere una cena marocchina.
Caffè alla nocciola e vaniglia. Macinate dei grani di caffè con delle nocciole e mettete la miscela in un vaso , aggiungete la vaniglia e lasciatelo riposare per due giorni. Poi usatelo al posto del solito caffè.
CIALDE  CAFFE  A  NAPOLI

Utilizzatore del sito cialdecaffe.napoli.it è
25 secondi caffè - Via S. Domenico, 30 - 80014 - Giugliano In Campania (NA) - Partita IVA: 08192741216

Copyright Privacy Policy Condizioni d'uso del sito e trattamento dati Cookie Policy Condizioni generali di vendita